La prima filiera italiana dell'Eucalipto Bio

Corniolo: usi, ricette e proprietà

Bello in Giardino: le caratteristiche del Corniolo

Il corniolo è una specie originaria dell’Europa meridionale fino al mar Nero. In Italia manca soltanto nelle isole.
Alberello alto dai due ai sei metri (eccezionalmente fino a 8 m), con la vecchia scorza grigio giallastra che si stacca in piccole scaglie ocracee o bruno ruggine soprattutto alla base del fusto. Le foglie sono lunghe 4-10 cm, opposte, picciolate, ovali ed ellettiche acuminate in cima, decidue, con nervature convergenti verso la punta. I fiori precedono la fogliazione, sono gialli e molto piccoli e raggiungono le dimensioni di 4-5 mm. Sono a sepali separati, riuniti in ombrelle sessili circondate da 4 brattee in croce. Frutti (drupe) rosso vivo, che diventano piu’ scuri a maturazione, lunghi quasi 2 cm.

Cresce in terreni sassosi, soprattutto su fondo calcareo, specie in collina. Pianta molto longeva, ornamentale in parchi e giardini, per le foglie brillanti e la miriade di fiori gialli a schiusura molto precoce. I frutti sono molto ricercati dalla fauna selvatica.

Buono in Cucina: come utilizzare il corniolo nelle ricette

Dal punto di vista alimentare, i frutti del corniolo sono spesso usati per realizzare succhi altamente vitaminici oppure marmellate gustose che, grazie al retrogusto acidulo, possono essere adoperate per arricchire il sapore dei formaggi o della carne bollita.

Dalle corniole mature si ricava anche un’ottima grappa, da realizzare lasciando in infusione questi frutti in grappa e zucchero, ma anche un gustoso liquore digestivo.

Se si raccolgono le corniole ancora acerbe, invece, è possibile prepararle in salamoia realizzando una soluzione di acqua e sale a cui aggiungere i frutti da conservare anche fino a un mese dentro barattoli chiusi ermeticamente.

 

Prezioso per la Salute: le proprietà benefiche del corniolo

Le proprietà terapeutiche del corniolo non sono da associare al solo frutto. Di questa pianta è possibile sfruttare le virtù di diverse parti.

Nella corteccia sono presenti sostanze tanniniche, mucillagini, zuccheri e acido malico. Anche i frutti sono ricchi di proprietà benefiche, della pianta sono i componenti con una maggiore percentuale di mucillagini.

In particolare, il corniolo è popolare per le sue proprietà antidiarroiche, astringenti e febbrifughe. Gli estratti della corteccia di corniolo sono impiegati per curare in modo naturale gli stati febbrili. I frutti, così come la corteggia, possiedono proprietà astringenti e si possono mangiare freschi o in marmellata

 

Immagin1e

RICETTA con il corniolo

Liquore di corniolo

Perfetto da servire a fine pasto: aiuta a digerire e ha un sapore audace, dolce e amaro proprio come i suoi frutto.La ricetta è semplice. Per preparare il liquore di corniolo o “liquore alle corniole” (riferendoci ai frutti), avete bisogno di:

  • 1 kg di corniole
  • 500 g di zucchero
  • 1 lt di alcol alimentare di qualità

Raccogliete i frutti a maturità ma quando sono ancora compatti, lavateli bene e lasciateli asciugare. Trasferiteli in un contenitore di vetro coperti dall’alcool.

Aggiungete lo zucchero e mantenete questo contenitore in un luogo buio per circa 40 giorni.

Dopo l’attesa, filtrate accuratamente, lasciate stabilizzare per qualche settimana e poi potrete finalmente gustarlo.

sciroppo-di-corniole-3-792x450