Pianta di Eucalyptus

Originario dell'Australia, soprattutto Tasmania, Australia e Nuova Guinea, l'eucalyptus è un albero sempreverde a crescita rapida (raggiunge i 20 m in 6-7 anni e può arrivare fino a 90 mt), che dalla fine dell'Ottocento viene coltivato in diverse parti del mondo, in particolare nei paesi a clima caldo. In Italia lo troviamo soprattutto nella zona mediterranea.

Il fusto può raggiungere i 2 metri di diametro, è diritto con corteccia azzurrognola o giallo-rossastra che si distacca in placche longitudinali, spesso di considerevole lunghezza.

Generalmente le foglie giovanili sono di colore verde/azzurro, mentre le foglie adulte sono alterne, verdi scure/azzurre, a forma di falce e dure. I fiori sono di solito raggruppati in boccioli fiorali, più o meno numerosi. Il frutto è una capsula legnosa, dura, rugosa e coperta di cera. I semi sono numerosi e molto piccoli. Tutta la pianta ha un odore aromatico e sapore amarognolo.

Il suo nome botanico deriva dal greco Eucalyptos che significa "nascosto bene", "chiuso", questo probabilmente perché i fiori, privi di petali e protetti da una membrana, restano nascosti sino alla fioritura.

In Australia, le antiche popolazioni aborigene ben conoscevano le virtù terapeutiche di questa pianta che consideravano una specie di panacea. Ancora oggi gode di grande favore presso la popolazione multietnica che ormai vive nel continente.

Nelle aree paludose, ad alta concentrazione di zanzare, veniva piantato con l'intento di bonificarle; questo grazie alla sua capacità di assorbire grandi quantità d'acqua. L'olio essenziale che evapora d'estate dalle sue foglie, provoca un effetto ottico simile ad un alone di colore blu che avvolge le piante. Da qui nasce l'espressione "le foreste blu australiane".

Albero sempreverde a crescita rapida
Pianta originaria dell'Australia
La pianta ha un odore aromatico e sapore amarognolo

Social

Ci trovi anche su Facebook